Airrus Rods

novembre 24, 2010 | Recensioni

Pesco con Airrus Rods da tre anni circa e dopo aver passato molte ore sull’acqua con queste canne in mano,mi é venuto spontaneo condividere aspetti tecnici,usi,dettagli di ogni singolo attrezzo.
Premetto che vi elencherò le mie impressioni ed ovviamente essendo personali possono essere discusse più che volentieri.

T6 7′ H 12/20 LB 3/8-1 1/2:

Quando ho acquistato questa canna  per avere un attrezzo da jig che fosse tosto ma non il classico “palo della luce” .L’impugnatura è abbastanza lunga,permettondo lanci agevoli e all’occorrenza a distanza,  manico splittato (realizzato in eva SuperLite ) ,il portamulinello come tutte le T6 è minimale, fatto di una speciale lega di aluminio/magnesio  di grado aerospaziale, denominata “Aerospace grade T6 ultra light alloy”,molto comodo e palmabile, (non avrei pensato a prima vista lo potesse essere), leggerissimo, molto funzionale e in grado di trasmettere ogni minima vibrazione dal grezzo. Quest’ultimo è  realizzato con un multimodulo Airrus, “lite flex multi modolus graphite”,molto leggero e sottile. Completano questo modello un set di anelli Fuji Titanium Sic,ma viene anche prodotta con anelli Alconite sempre Fuji ed il prezzo ovviamente cala abbastanza.Ha un’azione particolare,un calcio decisamente rigido ma una vetta morbida,questo particolare fa si che nel lancio dei jig si è piu dolci nel’entrata in acqua ed anche piu precisi,ci pesco al 90% con jig da 3/8 e 1/2,ho usato anche dei grossi 3/4 con dei voluminosi trailer e la canna non sembra soffrire,anche se ovviamente a mio parere la morte di questa canna sono i mezza oncia.L’ho usata anche con swimbait di peso contenuto,tipo revolution shad  5″, Spro BBZ1 SHAD, ed anche con queste esche la canna  non va in difficoltà. A gomma con inneschi texas è leggermente ”soft”  punta,o meglio,di norma preferisco canne ancora più fast. Insomma  la definirei una Jig rod a tutti gli effetti (Mag heavy action) ,non si tratta di un attrezzo per cover estreme ne tantomeno di una canna morbida :ha l’azione perfetta per la pesca con i miei amati jig,ed è per questo che  la apprezzo in tutte le mie uscite di pesca con questa tecnica.

T6 7′ M 8/17 lb 1/4-5/8:

“Signori e signori” : ecco a voi la mia crank rod per eccellenza.Quando ho preso questa canna,avevo bisogno di un attrezzo che mi permettesse di pescare in modo ottimale con crank shallow,medium e con qualche wtd di medio piccole dimensioni.La canna ha un fusto sottilissimo e  peso oserei dire piu che ridotto … ridicolo! Azione decisamente regular,senza compromessi,si vede anche dalla voluta bassa conicità del grezzo,anche in questa versione come tutte le T6 si è cercato il massimo contatto tra mano del pescatore e grezzo della canna,per poter percepire ogni minima vibrazione trasmessa. Possiede un manico splittato piuttosto lungo,che abbinato all’azione morbida si tramuta in una “catapulta” con esche di dimensioni e pesi ridotti. L’ho abbinata ad uno Shimano Aldebaran MG e a del FluorCarbon da 10Lb.,come combo risulta una vera piuma credetemi,in pesca con crank tipo AC55  o Crazy Cradle la canna si comporta egreggiamente,molto sensibile e pronta ad assorbire e perdonare qualche errore del pescatore con fili piuttosto piccoli.Nella pesca a galla si comporta bene a costo di non eccedere con le pretese,stiamo parlando di una canna morbida e quindi per imprimere scatti decisi a grossi walking the dog son preferibili altri tipi di azioni,però devo ammetere che con esche medie e piccole è un vero piacere da usare.A jerk non si comporta male,ma vale sempre la regola di star leggeri per riuscire a dare un azione corretta all’esca,è una canna in grafite quindi i piu temerari la potranno usare anche con esche in gomma spiombate (onestamente per questo uso preferisco altre canne ),ma tutto sommato se si monta un fluorcarbon da 8/10 libre e si innesca una esca da 4″/5″ spiombata non la vedo poi tanto male,ma ripeto,non nasce sicuramente per questo,è solo per far capire che è sempre piu sfruttabile di una crank rod in fibra di vetro. Il fusto della canna non è poi cosi tanto “delicato”,in effetti mi è capitato di attaccare grossi bass,o lucci occasionali e devo ammetere che sempre calcolando il tipo di canna che abbiamo in mano,se la cava molto ma molto bene anche volendo forzare un po il pesce.Come tutte le T6 presenta grezzo ultra light multi modulare ,anelli Fuji Titanium Sic,manico in Eva SuperLight splittato e vite porta mulinello in lega di aluminio ultra leggero.

KS-lite 6’6” MH 8/17 lb 3/8-3/4:

Questa serie di canne presenta una grande innovazione che Airrus ha presentato all’ Icast vincendo diversi premi con la serie PulsR,ovvero il sistema “MegaPhone effect” sull’impugnatura.Si tratta di una cassa di risonanza per la quale le vibrazioni del grezzo vengono amplificate :scopo di questa innovazione è trasmettere il più possibile al braccio del pescatore. La serie K-lite presenta questa grande innovazione abbinata ad un grezzo modulare innovativo (come le T6) ,ovvero ultra light e con diametri ridotti.Questa versione da 3/4 possiede una grande conicità che dona un’azione decisamente fast alla canna,ha un’impugnatura splittata molto molto corta,una manna quando ci si trova a pitchare di continuo,magari come spesso nel mio caso,in una posizione piuttosto scomoda quale la pesca dal belly.Su questa canna ho montato uno Shimano Aldebaran MG7 e del Fluorcarbon da 12/14 libre,la utilizzo principalmente a gomma,gli inneschi texas piomabti 1/4 sono la sua morte,avere in mano una canna dal peso di 98 grammi e dall’impugnatura cortissima la fanno una vera macchina da guerra quando si rcorre a continui lanci dentro le strutture.Come dicevo ha un backbone  veramente tosto abbinato ad una vetta media che la fanno una classica 3/4 da gomma,ci ho pescato anche a jig da 3/8 e devo ammetere che non è male,buona anche per jerk,la uso spesso con artificiali da 10 cm ed oltre e devo dire che la canna si comporta veramente in modo perfetto.L’ impugnatura è molto confortevole e realmente efficace in pesca,infatti questa canna oltre ad essere molto maneggevole è anche decisamente sensibile,grazie alle innovazioni riportate in precedenza.Questa serie di canne viene montata in due versioni la serie k-Lite con anelli Fuji Alconite e la serie Ks-Lite,quella che possiedo io,con anelli Fuji Titanium Sic.

SK300 ELITE 6’6″ H 1/4 1oz 10-20 lb:

Le SK300 sono ”nate” da poco in casa Airrus,con aspetti all’avanguardia,un grezzo multimodulare non innestato ma passante ( come le sorelle maggiori T6 e Klite, laminato  in diversi moduli per dare azioni volute ai vari modelli) ,anche qui totale assenza del foregrip,portamulinello denominato Skeleton Concept realmente all’estremo dell’esposizione,per una sensibilità esasperata delle vibrazioni : con questo sistema la mano nella parte sottostante dell’impugnatura resta totalmente a contatto con il grezzo della canna….provare per credere! L’impugnatura di questa serie e’ di sughero e splittata, soluzione molto confortevole  oltre  che perfetta per ridurre il peso complessivo della canna.Viene prodotta in due versioni:SK300 con grezzo M.M.Blank,e anelli Fuji normali e la versione SK300 ELITE con grezzo più laminato e leggero denominato X Lite M.M. Blank ,con anelli Fuji Alconite,con sughero di doppio colore e alcune collarini di finitura aggiuntiin recoil. La versione presa in esame, quella da 1oz. è molto leggera, ha una azione media,è la classica canna da un oncia universale,in effetti è proprio per questo che l’ho acquistata,mi permette di usare in modo ottimale una grande quantità di esche. Canna decisamente tosta,ma regualr,tutto questo fa che sia ideale per gomma poco piombata,spinnerbait fino a 3/8 se la cava egreggiamente,hard bait di peso entro il libraggio dichiarato,ottima anche con jerk. Su di questa  ho montato uno Shimano Metanium DC7 con nylon da 14 Lb.,la sua morte.Ci pesco prevalentemente con esche di reazione,quali spinnerbait,buzzbait,molto valida con piccole swimbaits dure o morbide .  Con spinner da 1/2 la trovo leggermente ”lenta”,preferisco canne più fast per quelle esche. Buonissima anche per i lipless ormai è sempre abbinata ai miei XV65 quando entrano in acqua.In conclusione vi dico,se cercate una canna tutto fare,questa versione fa per voi,vi stupirà per quanto possa esser polivalente.

Spero di esser stato di aiuto alle persone incerte su questi modelli,ringrazio tutti per avermi dato l’opportunità di scivere queste mie considerazioni su di un marchio che mi ha veramente colpito negli ultimi anni.Aspetto le Vostre domande o pareri.

Simone Bellotti

Tags: , , , , , , ,

Autore dell'articolo:
avatar

Comments (1)

 

  1. avatar Andrea Marchi scrive:

    Bella recensione Simone,molto dettagliata!!
    E gran canne!!

Leave a Reply